NOZZE CARSICHE

Quest'anno le nozze carsiche si svolgeranno da mercoledì 26 agosto a domenica 30 agosto, giorno un cui avrà luogo la tradizionale cerimonia nuziale presso la chiesa di Monrupino.

Le Nozze Carsiche hanno luogo ogni due anni l’ultima settimana di agosto.
Quest’anno ricorre la 27° edizione della manifestazione che si svolgerà nelle seguenti date:

Mercoledì 26.08.2020 – inaugurazione ufficiale
Giovedì 27.08.2020 – addio al celibato e nubilato
Venerdì 28.08.2020 – serenata
Sabato 29.08.2020 – trasporto della dote
Domenica 30.08.2020 – matrimonio
Questi sono i principali avvenimenti della settimana accompagnati da altre manifestazioni minori.
Tutta la frazione di Repen è allestita per la festa. Camminando per le strette strade del centro si incontrano vari punti di ristoro che offrono specialità gastronomiche tipiche locali. Nelle giornate dal giovedì al sabato i principali avvenimenti hanno luogo nelle ore serali, mentre domenica la festa ha inizio già alle 8 di mattina, quando lo sposo parte da Repen con un gruppo di amici, arriva a Col a prendere la futura sposa e insieme s’incamminano verso la chiesa sulla Rocca di Monrupino – Tabor. Tutto si svolge rigorosamente a piedi.

Questa festa è la rievocazione di un antico rito, il cui cerimoniale risale all'incirca alla seconda metà dell'Ottocento. La tradizione delle "Nozze Carsiche" è stata ripresa nel 1968 a opera della Cooperativa "Carso Nostro - Naš Kras", con l'attiva partecipazione degli abitanti della zona di Monrupino, che di fatto gestiscono l'intero svolgimento della manifestazione.
La kermesse, che ha ora carattere biennale e si svolge tradizionalmente l'ultima settimana di agosto, ripropone i momenti salienti dei matrimoni che si celebravano un tempo nei paesi dell'Altipiano. La festa inizia il giovedì sera. Lo sposo offre agli amici maschi (per tradizione gli scapoli del paese) una cena di "addio al celibato" che si svolge a Repen, mentre la sposa riunisce a Col tutte le amiche per un "addio al nubilato". Dopo le rispettive cene i futuri sposi con il loro seguito si ritrovano nella piazza di Repen per aprire le danze.
                Il venerdì sera si svolge la tradizionale serenata, che il futuro marito dedica alla sua bella accompagnato dai giovani del villaggio. La sposa lo ascolta entusiasta dal ballatoio di casa, ma il giovane, per poter accedere tramite una scala a pioli all'abitazione dell'amata, deve fare i conti con la terribile suocera che tenta in tutti i modi di scacciarlo.
                Il sabato sera, vigilia delle nozze, è dedicato al trasporto della dote. Davanti alla simbolica casa della sposa, a Col, si ritrovano la giovane, i suoi genitori e un ragazzino che impersona il fratellino piccolo della ragazza. Arrivano i "balarji", i tradizionali trasportatoti della dote. Quest'ultima, chiamata "bala", viene caricata su un carro sul quale prende posto anche il fratellino della sposa, con in mano un cesto contenente una gallina - dono per la futura suocera (simbolo di fertilità). Quando il carro arriva a Repen, davanti all'abitazione dello sposo, è proprio il ragazzino ad avere un ruolo chiave nel complesso rituale. Prima infatti i genitori dello sposo valutano e controllano la dote appena arrivata, poi il fratellino della sposa ha un acceso colloquio con la madre dello sposo poiché non vuole lasciare la gallinella che, a suo dire, è affamata e assetata. La suocera deve riscattare la gallina, cioè dare al bambino una specie di indennizzo in vivande e bevande. La dote viene quindi consegnata e accettata solo dopo che la gallina, e ovviamente l'intera compagnia, vengono generosamente rifocillate, tra gli applausi e una lunga serie di brindisi.
                Si arriva così alla domenica, giorno in cui vengono celebrate le nozze. La mattina presto la sposa è attorniata, in casa propria, dalle amiche che la aiutano a vestirsi. L'abito nuziale, sia femminile che maschile, è in realtà il tipico costume contadino della zona e viene perciò confezionato rispettando tutti i canoni della tradizione popolare. Lo sposo si prepara in casa propria dove è raggiunto dagli amici, anch'essi in costume caratteristico. Preceduto da un suonatore di fisarmonica, il corteo dello sposo si avvia verso la casa della fidanzata. Da qui, dopo alcune serie raccomandazioni e frasi di rito tra il promesso sposo e i futuri suoceri, l'intero corteo nuziale si muove verso la chiesa della Rocca di Monrupino, dove viene celebrata la cerimonia religiosa, alla quale assistono solo gli invitati in costume tipico. Prima del sì, davanti all'altare, il più svelto dei due sposi deve rubare all'altro il lembo del fazzoletto bianco - simbolo di verginità - che entrambi tenevano in mano durante la salita alla chiesa. A cerimonia conclusa, dopo che l'unione è stata sancita dal sacerdote, gli sposi possono uscire dalla chiesa tenendosi per mano e dopo gli auguri di rito l'intero corteo scende dalla Rocca. Il corteo segue poi un percorso prestabilito per raggiungere Col e quindi Repen. Alla Casa Carsica, che simboleggia la dimora dello sposo, si svolge il rituale della consegna della sposa. Secondo l'antico cerimoniale, ai suoceri vengono presentate come nuore dapprima due donne già in età, che essi rifiutano categoricamente. Solo al terzo tentativo si presenta la vera novella sposa che conquista i due suoceri anche grazie ai regali per loro confezionati: la suocera riceve un grembiule, il suocero invece un fazzoletto blu e un bellissimo "kolač" (pandolce a forma di ciambella). Dopo questa lunga cerimonia, tutta la comitiva raggiunge il locale dove ha luogo il pranzo nuziale a base di piatti tipici della zona.
                La festa prosegue poi per tutto il pomeriggio fino a sera inoltrata con dei saggi di danze folcloristiche aperte dagli sposi, seguiti dai loro invitati e da chiunque voglia ancora divertirsi.



Le Nozze Carsiche hanno luogo ogni due anni l’ultima settimana di agosto. 

Quest’anno ricorre la 27° edizione della manifestazione che si svolgerà nelle seguenti date:

Mercoledì 26.08.2020 – inaugurazione ufficiale

Giovedì 27.08.2020 – addio al celibato e nubilato

Venerdì 28.08.2020 – serenata

Sabato 29.08.2020 – trasporto della dote

Domenica 30.08.2020 – matrimonio 

Questi sono i principali avvenimenti della settimana accompagnati da altre manifestazioni minori. 
Tutta la frazione di Repen è allestita per la festa. Camminando per le strette strade del centro si incontrano vari punti di ristoro che offrono specialità gastronomiche tipiche locali. Nelle giornate dal giovedì al sabato i principali avvenimenti hanno luogo nelle ore serali, mentre domenica la festa ha inizio già alle 8 di mattina, quando lo sposo parte da Repen con un gruppo di amici, arriva a Col a prendere la futura sposa e insieme s’incamminano verso la chiesa sulla Rocca di Monrupino – Tabor. Tutto si svolge rigorosamente a piedi.

 Questa festa è la rievocazione di un antico rito, il cui cerimoniale risale all'incirca alla seconda metà dell'Ottocento. La tradizione delle "Nozze Carsiche" è stata ripresa nel 1968 a opera della Cooperativa "Carso Nostro - Naš Kras", con l'attiva partecipazione degli abitanti della zona di Monrupino, che di fatto gestiscono l'intero svolgimento della manifestazione. 

La kermesse, che ha ora carattere biennale e si svolge tradizionalmente l'ultima settimana di agosto, ripropone i momenti salienti dei matrimoni che si celebravano un tempo nei paesi dell'Altipiano. La festa inizia il giovedì sera. Lo sposo offre agli amici maschi (per tradizione gli scapoli del paese) una cena di "addio al celibato" che si svolge a Repen, mentre la sposa riunisce a Col tutte le amiche per un "addio al nubilato". Dopo le rispettive cene i futuri sposi con il loro seguito si ritrovano nella piazza di Repen per aprire le danze.
                Il venerdì sera si svolge la tradizionale serenata, che il futuro marito dedica alla sua bella accompagnato dai giovani del villaggio. La sposa lo ascolta entusiasta dal ballatoio di casa, ma il giovane, per poter accedere tramite una scala a pioli all'abitazione dell'amata, deve fare i conti con la terribile suocera che tenta in tutti i modi di scacciarlo.
                Il sabato sera, vigilia delle nozze, è dedicato al trasporto della dote. Davanti alla simbolica casa della sposa, a Col, si ritrovano la giovane, i suoi genitori e un ragazzino che impersona il fratellino piccolo della ragazza. Arrivano i "balarji", i tradizionali trasportatoti della dote. Quest'ultima, chiamata "bala", viene caricata su un carro sul quale prende posto anche il fratellino della sposa, con in mano un cesto contenente una gallina - dono per la futura suocera (simbolo di fertilità). Quando il carro arriva a Repen, davanti all'abitazione dello sposo, è proprio il ragazzino ad avere un ruolo chiave nel complesso rituale. Prima infatti i genitori dello sposo valutano e controllano la dote appena arrivata, poi il fratellino della sposa ha un acceso colloquio con la madre dello sposo poiché non vuole lasciare la gallinella che, a suo dire, è affamata e assetata. La suocera deve riscattare la gallina, cioè dare al bambino una specie di indennizzo in vivande e bevande. La dote viene quindi consegnata e accettata solo dopo che la gallina, e ovviamente l'intera compagnia, vengono generosamente rifocillate, tra gli applausi e una lunga serie di brindisi.
                Si arriva così alla domenica, giorno in cui vengono celebrate le nozze. La mattina presto la sposa è attorniata, in casa propria, dalle amiche che la aiutano a vestirsi. L'abito nuziale, sia femminile che maschile, è in realtà il tipico costume contadino della zona e viene perciò confezionato rispettando tutti i canoni della tradizione popolare. Lo sposo si prepara in casa propria dove è raggiunto dagli amici, anch'essi in costume caratteristico. Preceduto da un suonatore di fisarmonica, il corteo dello sposo si avvia verso la casa della fidanzata. Da qui, dopo alcune serie raccomandazioni e frasi di rito tra il promesso sposo e i futuri suoceri, l'intero corteo nuziale si muove verso la chiesa della Rocca di Monrupino, dove viene celebrata la cerimonia religiosa, alla quale assistono solo gli invitati in costume tipico. Prima del sì, davanti all'altare, il più svelto dei due sposi deve rubare all'altro il lembo del fazzoletto bianco - simbolo di verginità - che entrambi tenevano in mano durante la salita alla chiesa. A cerimonia conclusa, dopo che l'unione è stata sancita dal sacerdote, gli sposi possono uscire dalla chiesa tenendosi per mano e dopo gli auguri di rito l'intero corteo scende dalla Rocca. Il corteo segue poi un percorso prestabilito per raggiungere Col e quindi Repen. Alla Casa Carsica, che simboleggia la dimora dello sposo, si svolge il rituale della consegna della sposa. Secondo l'antico cerimoniale, ai suoceri vengono presentate come nuore dapprima due donne già in età, che essi rifiutano categoricamente. Solo al terzo tentativo si presenta la vera novella sposa che conquista i due suoceri anche grazie ai regali per loro confezionati: la suocera riceve un grembiule, il suocero invece un fazzoletto blu e un bellissimo "kolač" (pandolce a forma di ciambella). Dopo questa lunga cerimonia, tutta la comitiva raggiunge il locale dove ha luogo il pranzo nuziale a base di piatti tipici della zona. 
                La festa prosegue poi per tutto il pomeriggio fino a sera inoltrata con dei saggi di danze folcloristiche aperte dagli sposi, seguiti dai loro invitati e da chiunque voglia ancora divertirsi.

 

Sposi

 

Edizioni precedenti:

Fotogalleria 2013

Fotogalleria 2011

Media:

https://www.primorski.eu/trzaska/naj-kraska-ohcet-ponovno-zazivi-DC370342

https://www.primorski.eu/trzaska/kraska-ohcet-bo-AD432750

https://www.triesteprima.it/attualita/nozze-carsiche-monrupino-2020.html

https://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2020/01/17/news/riecco-gli-sposi-dopo-7-anni-tornano-le-nozze-carsiche-1.38343116

https://www.triestecafe.it/it/news/eventi/tornano-le-nozze-carsiche-dopo-7-anni.html

https://guidabora.it/le-nozze-carsiche/

https://www.facebook.com/TgrRaiFVG/posts/2480159885581994

https://www.rainews.it/tgr/fjk/articoli/2020/01/tdd-vraca-Kraska-ohcet-predstavili-zenina-in-nevesto-ad50933d-5ca9-4034-bb91-ab5c8ea95ad1.html

Contatti Comune di Monrupino